You are currently viewing Sperimentazione modello di certificazione delle competenze I ciclo. Il MIUR presenta gli esiti del monitoraggio alle Associazioni Professionali

Sperimentazione modello di certificazione delle competenze I ciclo. Il MIUR presenta gli esiti del monitoraggio alle Associazioni Professionali

Il 3 settembre le Associazioni professionali sono state invitate a partecipare ad un incontro, organizzato dal MIUR, con il Comitato Scientifico Nazionale sulla sperimentazione dei nuovi modelli nazionali di certificazione delle competenze nelle scuole del primo ciclo d’istruzione.
Sono stati illustrati i primi dati emersi dal monitoraggio che il CTS ha condotto, su 1477 scuole aderenti e 1276 rispondenti, utilizzando un questionario on line e azioni di audit realizzate sul territorio.

Osservazioni interessanti da parte delle scuole sono state fatte sulla struttura dei nuovi modelli, sull’utilizzo della scala a 4 livelli, sugli strumenti e sulle forme di rilevazione e valutazione.
Il 95% delle scuole intervistate considera adeguato e chiaro il modello e ne apprezza la coerenza con le Indicazioni Nazionali 2012.

Il 60% considera i 4 livelli adeguati a descrivere le competenze.
In generale le scuole dichiarano di aver dato una corretta informazione del modello sperimentale alle famiglie.
Un dato importante: per il feedback sui processi innescati dalla sperimentazione solo il 20% dichiara di aver modificato il curricolo ed il 33% di aver promosso didattiche per competenze. Giancarlo Cerini, per il CTS, ha sottolineato l’importanza di dare continuità all’impegno delle scuole che hanno partecipato alla sperimentazione, la necessità di ragionare sul significato che si vuole dare alla “certificazione delle competenze”, alla didattica, alle discipline, alle competenze trasversali/croscurricolari considerando anche la delega aperta nella L 107/15.
Nei loro interventi, le Associazioni hanno posto molta attenzione alle caratteristiche personali degli allievi e standard di riferimento, in particolare alle problematiche dei BES, al livello di leggibilità dello strumento da parte delle famiglie e ai raccordi con la scuola dell’infanzia e con il biennio della scuola superiore.
Il dibattito, con l’intervento di tutte le Associazioni, ha evidenziato, soprattutto in questo momento di cambiamento, l’importanza della formazione sul tema delle competenze sia in termini di didattica per compiti di realtà che di valutazione.
Irase ha condiviso il lavoro svolto dal Comitato, ha sottolineato le difficoltà che i docenti incontrano nell’innovare la pratica didattica, nel modificare i loro atteggiamenti e l’importanza della formazione anche per i Dirigenti scolastici.
In chiusura tutti hanno auspicato una possibile proficua alleanza sulla tematica delle competenze tra Comitato e Associazioni.
Hanno partecipato all’incontro Rosa Venuti, Francesca Severa e Patricia Tozzi.